Su di me

Chi sono, da dove vengo, dove possiamo andare

angela_papi_about

Ho provato a essere una coach convenzionale ma non ci sono riuscita. Per fortuna!

Sono stata a brancolare nel buio di non saper scegliere

Sono a capo bassa su una scrivania di un'azienda milanese, mi occupo di digital marketing e in poche parole voglio morire. Quelle giornate mi lasciano con un enorme senso di insoddisfazione. So che non voglio tutto ciò ma la domanda a cui non so rispondere è
cosa voglio invece?
Con il coaching ti sostengo nel mettere a fuoco e realizzare la tua ambizione che tu l'abbia già ben chiara o che tu voglia definirla.
Questo problema mi ha riguardato da molto vicino per diversi anni, ogni momento di passaggio (liceo-università, università-lavoro, lavoro-lavoro, etc) per me era un dramma perché non sapevo dove andare.
Da lì è iniziato, per ragioni personali, il mio percorso di formazione nel mondo del coaching, quello che attraverso varie esperienze formative e professionali mi ha portato fino a qui. Da te!

Sono:

  1. Figlia di un imprenditore.
  2. Arrivata da tre anni di studio di marketing e comunicazione.
  3. Sopravvissuta a un decennio di inutili interrogativi mentali mal posti che non mi hanno mai portato da nessuna parte.

Mio padre imprenditore, gli studi di marketing e un passato di indecisione

Ti racconto questi tre snodi così puoi ben capire perché mi occupo dei temi della crescita personale con un forte orientamento alla pratica e all’efficacia. Il mio compito ogni giorno è quello di trasformare ciò che spesso è solo spunto di riflessione in spunto di azione.

Per quanto la creazione interna (i pensieri, per capirci) sia importante, il cambiamento avviene solo quando questa si traduce in creazione esterna, in azione.

In pratica, una volta definita la destinazione possiamo disegnare la rotta.

Ogni percorso di coaching inizia con la definizione di ciò che vuoi ottenere. Non ci ragioniamo sopra e basta, facciamo sì che ciò che hai (o avrai) in testa accada.

Non faccio il tifo per l'accettazione che si conclude con la passività. Non aiuto le persone ad accettare ciò che non le soddisfa, le aiuto cambiarlo. 

Sono Licensed NLP Coach™ e Licensed NLP Trainer™ .

Il mio percorso per arrivare a svolgere quest prfessione, ha avuto inizio mentre ancora lavoravo in un arido ufficio milanese e si è concluso negli USA dove sono stata certificata da uno dei fondatori della Programmazione Neuro-Linguistica.

Da scettica quale sono, mentre già lavoravo nell’ambito del coaching e della formazione per grandi aziende, ho deciso di riaprire i libri universitari e mi sto attualmente laureando in psicologia. Per anni ho lavorato come trainer e formatrice per la società PLS Coaching srl; in quegli anni, oltre a formare altri coach, ho svolto la mia attività di formazione in aziende quali Ruffino, Kering, Menarini e molte altre.

Chi mi ha dato il titolo di coach?