Felicemente Tristi

Davanti alle emozioni spiacevoli c’è chi cerca di distrarti, c’è chi si spaventa, c’è chi ti dice:

– Vieni qui, va bene.

E quelle persone che vi dicono che va bene, tenetevele strette.
Loro non cercano di cambiare l’emozione perché sanno che quella cambierà nel momento stesso in cui nessuno la giudica. Ai tempi dei nostri nonni, le persone non erano meno stressate o meno tristi solo che per loro non era un problema esserlo ogni tanto. Così lo accettavano, continuavano a vivere e non permettevano a quell’emozione di prendere il sopravvento nella propria vita.A loro nessun motivatore aveva ancora venduto l’idea della felicità 24 ore al giorno 7 giorni su 7.

➡️ il problema non sono le emozioni spiacevoli ma la convinzione che le emozioni spiacevoli siano una problema.

➡️ non sono un malfunzionamento del nostro sistema ma un indizio del fatto che tutto funziona molto bene.

Allora dovrei vivere nella tristezza? No. Dovresti vivere. Punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su